Turisti truffati

L’Italia delle città d’arte, dei capolavori architettonici, delle spiagge, delle montagne, della storia e del mangiare bene.

L’Italia che dovrebbe fare del turismo una delle sue principali industrie, tanto da farne uno dei pilastri della sua sgangherata economia.

L’Italia che grazie al turismo potrebbe creare posti di lavoro e dare sollievo ad aree povere e depresse del Paese.

Ristorante Passetto di Roma

Ristorante Passetto di Roma

In questa stessa Italia succede che i turisti stranieri non vengano trattati come dei clienti e come una risorsa importante sulla quale investire. No. Americani, giapponesi, russi, cinesi e tedeschi vengono maltratti e sfruttati come dei maiali dai quali cavare fino all’ultimo millmetro di ciccia.

L’ultimo esempio ce lo regala la cronaca romana, dove a 2 turisti giapponesi è stato presentato un conto di 580€.

Ma non basta, perchè ai due poveri turisti hanno pure addebitato 115€ di mancia direttamente sulla carta di credito.

Ma non basta, perchè il ristoratore in questione oltre a essere un ladro e un danno per il Paese è anche uno zozzone, infatti è stato visitato dai NAS che hanno riscontrato gravi carenze igienico sanitarie.

Scommetto che oltre ad essere stati frodati i due giapponesi saranno anche stati serviti in modo scortese e maleducato.

Il ristorante in questione è il “Passetto” vicino a piazza Navona.

Mi indigno e mi schifo, soprattutto perchè ho potuto viaggiare neglu USA, in Giappone, e in un sacco di altri paesi dove sono stato sempre trattato con cortesia, professionalità e dove posso escludere di essere stato truffato.

– 993 alla partenza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...